preferisco correre

Prom’Classic

Lascia un commento

Da qualche anno Carlo ed io almeno una volta l’anno ci spostiamo in Costa Azzurra per partecipare a una delle tante gare podistiche proposte. Per qualche anno abbiamo corso la mezza maratona di Nizza, gara dura ma bella, da due anni corriamo la “Prom’Classic”, una dieci chilometri molto partecipata e molto veloce.

Oltre 9.000 persone si riuniscono per correre questa gara. Sabato mattina andiamo a ritirare il pettorale, il villaggio degli atleti non dà l’idea di rappresentare una grande manifestazione, siamo un po’ sorpresi, ma in fondo siamo lì per goderci il mare, la passeggiata e gli amici. La gara è un pretesto.

Ci piace l’idea di correre sulla Promenade, sentire il vento che, a seconda delle volte, aiuta o rallenta, assaporare quel clima di festa che si crea attorno a un evento sportivo con un numero di iscritti elevatissimo e un livello altrettanto elevato, trascorrere un weekend fuori dalla città, godersi il sole e il clima temperato, quando in Piemonte nebbia e gelo segnano ancora le giornate.

È una bella rincorsa per affrontare i mesi invernali che ci aspettano al ritorno. È anche una bella occasione per confrontarsi con atleti che non conosciamo, osservarli, confondersi tra loro, condividere un’unica passione, oltre le maglie e le realtà locali.

Mi piace molto questo aspetto: ogni anno, quando entro in griglia, mi guardo attorno, saltello per non raffreddarmi, se possibile scambio qualche parola con gli atleti presenti, più di frequente sorrido. Non riconosco nessuno, non conosco nessuno. Una delle cose che mi colpisce sempre è la moltitudine di atteggiamenti differenti rispetto alla competizione. Sono circondata da atleti vestiti in modo assolutamente anonimo, da look molto essenziali, per nulla curati, così come le loro gambe spesso non depilate, calzini dozzinali e scarpe consumate. Poi qualche raro caso di atleta più attento al look. Atlete giovanissime mezze nude e altre meno giovani dall’aria di chi la sa lunga sulla corsa. Atleti mediamente magri con poca attitudine a esibire i loro muscoli. Prevalentemente francesi e spagnoli. Non so se le altre griglie sono così, la mia è tutto questo. È una realtà di persone che amano la corsa e lo sport, non sembrano dettare alcuna tendenza.

L’attesa è piuttosto lunga, il clima è rilassato, si ascolta l’inno e si attende lo sparo di partenza. Una partenza veloce e nervosa, qualche caduta, qualche spinta e poi quel dritto rettilineo fino all’aeroporto. Un rettilineo dove si viene superati continuamente, da destra e da sinistra. Mentre si punta al giro di boa si incrociano i primi atleti. Si gira e si ritorna indietro tenendo il mare a destra. Quest’anno non c’è vento, si spinge bene fino al traguardo.

Gli ultimi chilometri sono quelli più affollati di pubblico: “Courage, courage!” si urla ai lati del percorso. Mi fa sempre ridere questo incitamento!  E con tanto tifo e lunghi respiri che sanno di iodio provo ad allungare ancora il passo per tagliare il traguardo con soddisfazione.

Carlo ed io aspettiamo la premiazione, siamo sulla Promenade, scattiamo qualche foto con la nostra medaglia al collo. Ascoltiamo i tempi degli assoluti e di categoria, sono ottimi tempi! Lo speaker scherza sul mio cognome, mi chiede la città di provenienza e mi consegna la coppa per la premiazione di categoria. La gara non è terminata, molti atleti raggiungono il traguardo in quel momento. A ognuno la sua andatura.

Ci ritroviamo con gli amici per il pranzo, siamo allegri, l’adrenalina ci aiuta a non sentire la stanchezza, brindiamo alla nostra trasferta e ai nostri risultati. Parliamo di località turistiche, di altri viaggi e di altre corse. È la magia dello star bene. È la leggerezza che quando non c’è, vale la pena cercare, magari un po’ più in là.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.